11 - Mothers Of The Disappeared

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

11 - Mothers Of The Disappeared

Messaggio Da fabio.angioletti il Dom 01 Ago 2010, 18:15

Il 22 gennaio 1980, Victor Miguel Martinez Cabrera stava partecipando ad un corteo del movimento Grupos Populares a San Salvador, a El Salvador. Stava sfilando con gli altri manifestanti quando venne fermato da una pattuglia della Guardia Nacional per un controllo. Dopo essere stato perquisito, l’uomo venne portato in caserma per essere interrogato. Sua moglie e i suoi tre bimbi lo aspettarono a casa per giorni. Iniziarono a chiedere notizie alla polizia. Poi passarono le settimane. Ne denunciarono la scomparsa. Poi iniziarono a passare i mesi. Gli anni. E Victor Miguel Martinez Cabreranon tornò mai più a casa. Ancora oggi non si sa niente di lui, nessuna notizia, ufficialmente sparito, come altri 8.000 salvadoregni svaniti nel nulla negli anni della guerra civile, che avvenne tra il 1979 e il 1992.

“Midnight, our sons and daughters
Were cut down and taken from us”

(Mezzanotte, i nostri figli e figlie
Furono abbattuti e presi a noi)

La questione dei desaparecidos fu un altro aspetto terribile che Bono e Ali incontrarono nel loro viaggio in America Centrale: «se facevi parte dell’opposizione in Salvador dovevi stare attento a come ti comportavi, altrimenti ti seguivano e ti portavano via. E basta. La gente veniva uccisa e fatta scomparire. Incontrai le madri di alcuni di questi ragazzi scomparsi, donne molto coraggiose che tenevano in alto le fotografie dei figli e chiedevano giustizia. Volevano sapere dove erano stati seppelliti per poterli almeno piangere».

In realtà l’organizzazione delle madri dei desaparecidos nacque in Argentina, dove dopo il golpe di Videla, tra il 1976 e il 1983, vennero fatti sparire quasi 30.000 oppositori. Per protestare conto questi atti disumani le madri si trovarono ogni giovedì pomeriggio a Plaza de Mayo, a Buenos Aires. Continuarono a farlo per trent’anni tanto che alla fine diventarono le “madri di Plaza de Mayo”.

Solo alla fine degli anni Ottanta si scoprì che molti dei desaparecidos erano stati caricati sui voli della morte e gettati nell’oceano.

“Hear their heartbeat
We hear their heartbeat
In the wind
We hear their laughter
In the rain
We see their tears
Hear their heartbeat
We hear their heartbeat”

(Sentiamo il battito del loro cuore
Noi sentiamo il battito del loro cuore
Nel vento
Sentiamo la loro risata
Nella pioggia
Vediamo le loro lacrime
Sentiamo il battito del loro cuore
Noi sentiamo il battito del loro cuore)

La sparizione dei corpi era un sistema molto efficace nei regimi dittatoriali sudamericani degli anni Settanta e Ottanta poiché permetteva di uccidere senza doverne pagare le conseguenze: se non c’era il corpo, per le autorità non c’era nemmeno la morte.

In Cile, dopo il colpo di stato che aveva rovesciato Salvador Allende nel 1973, era accaduto lo stesso con più di 3.000 desaparecidos, in Guatemala si arrivò ad oltre 40.000.

“Night hangs like a prisoner
Stretched over black and blue”

(La notte è sospesa come un prigioniero
Distesa tra il nero ed il blu)

Dopo il ripristino della Democrazia in Argentina nel 1983, venne fondata una commissione nazionale sui desaparecidos, incaricata di indagare sulla sorte toccata a migliaia di persone scomparse durante il governo militare: si raccolsero testimonianze e prove, ma la relazione finale non arrivò a determinare alcuna responsabilità, fornì semplicemente una cronaca degli avvenimenti.

Nel febbraio del 1998, durante il PopMart Tour in Argentina e Cile, Bono ha fatto salire sul palco alcune madri dei desaparecidos con il fazzoletto sulla testa e la foto dei loro figli in mano.

“Hear their heartbeat
We hear their heartbeat
In the trees
Our sons stand naked
Through the walls
Our daughters cry
See their tears in the rainfall”

(Sentiamo il battito del loro cuore
Noi sentiamo il battito del loro cuore
Negli alberi
I nostri figli stanno nudi in piedi
Attraverso i muri
Le nostre figlie piangono
Vediamo le loro lacrime nella pioggia che cade)





Ultima modifica di fabio.angioletti il Mer 03 Lug 2013, 21:29, modificato 1 volta

_________________


And love is not the easy thing
The only baggage you can bring
Is all that you can't leave behind


There is a light don't let it go out

REJOICE

VISION OVER VISIBILITY

Grace makes beauty out of ugly things
avatar
fabio.angioletti
Soul Rockin' Fan
Soul Rockin' Fan

Maschile
Numero di messaggi : 6920
Età : 31
Località : Albino (Bg)
Umore : THE GOAL IS SOUL
Data d'iscrizione : 08.07.09

http://www.amazon.it/Viaggi-di-Versi-7-ebook/dp/B00CO9R45O/ref=s

Tornare in alto Andare in basso

Re: 11 - Mothers Of The Disappeared

Messaggio Da fabio.angioletti il Dom 01 Ago 2010, 18:16

versione live del PopMart Tour, in Cile:


_________________


And love is not the easy thing
The only baggage you can bring
Is all that you can't leave behind


There is a light don't let it go out

REJOICE

VISION OVER VISIBILITY

Grace makes beauty out of ugly things
avatar
fabio.angioletti
Soul Rockin' Fan
Soul Rockin' Fan

Maschile
Numero di messaggi : 6920
Età : 31
Località : Albino (Bg)
Umore : THE GOAL IS SOUL
Data d'iscrizione : 08.07.09

http://www.amazon.it/Viaggi-di-Versi-7-ebook/dp/B00CO9R45O/ref=s

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum