02 - Van Diemen's Land

Andare in basso

02 - Van Diemen's Land

Messaggio Da fabio.angioletti il Lun 02 Ago 2010, 02:51

Nelle note del booklet del CD si legge che è dedicata al poeta John Boyle O'Reilly colpevole di far parte di una lega chiamata Fenian che lottava per l'indipendenza dell'Irlanda, fu deportato nel 1848 nella "Terra di Van Diemen" (l'attuale Tasmania, un isola del continente australiano) che un tempo era un luogo di  confino per i prigionieri politici del Regno Unito. O'Reilly riuscì però a scappare dalla sua prigione e si rifugiò a Boston in USA. Morì il 9 agosto del 1890 a soli quarantasei anni dopo aver ingerito alcune medicine della moglie. Il suo decesso venne archiviato sotto la voce: “avvelenamento accidentale”. Ma probabilmente il poeta si suicidò.

La particolarità di questo brano risiede nell’essere stato scritto e cantato da The Edge.
Il chitarrista non conosceva la storia di John Boyle O'Reilly, ma ne rimase affascinato durante una gita con la moglie Aislinn vicino Drogheda, a Nord di Dublino, nelle zone in cui era nato e cresciuto il poeta. Una volta tornato a casa, iniziò a lavorare ad un pezzo su di lui, cercando di costruirlo su una ballata tradizionale scozzese del Seicento: The River Is Wide. Nacque così Van Diemen’s Land.
Disse Edge: «la storia di O’Reilly mi turbò soprattutto per un motivo: non era affatto una persona violenta, non aveva ucciso nessuno, ma le sue poesie e i suoi articoli lo avevano fatto diventare colpevole agli occhi degli inglesi. Era assurdo, era come se fosse reo di aver amato troppo l’Irlanda».

“Hold me now, oh hold me now
'til this hour has gone around
And I'm gone on the rising tide
For to face Van Diemen's land

It's a bitter pill I swallow here
To be rent from one so dear
We fought for justice and not for gain
But the magistrate sent me away

Now kings will rule and the poor will toil
And tear their hands as they tear the soil
But a day will come in this dawning age
When an honest man sees an honest wage

Hold me now, oh hold me now
'til this hour has gone around
And I'm gone on the rising tide
For to face Van Diemen's land

Still the gunman rules and widows pay
A scarlet coat now a black beret
They thought that blood and sacrifice
Could out of death bring forth a life”

(Stringimi adesso, oh stringimi adesso
Finché questa ora non sarà passata
Ed io sarò partito con la marea crescente
Per fronteggiare la terra di Van Diemen

E' un'amara pillola che ingoio qui
Essere strappato da una persona così cara
Noi lottammo per giustizia e non per guadagno
Ma il magistrato mi ha mandato via

Ora i re governeranno ed i poveri faticheranno
E si romperanno le mani mentre spaccheranno il suolo
Ma un giorno verrà in questa epoca che sorge
In cui un uomo onesto riceverà un compenso onesto

Stringimi adesso, oh stringimi adesso
Finche questa ora non sarà passata
Ed io sarò partito con la marea crescente
Per fronteggiare la terra di Van Diemen

Finché il bandito comanda e le vedove pagano
Un cappotto scarlatto ora un basco nero
Loro pensavano che il sangue ed il sacrificio
Potevano fuori dalla morte generare una vita )

A Boston, nel quartiere Back Bay, non lontano dallo stadio dei Red Sox, ancora oggi, nel parco Fenway, ci si può imbattere in una statua dedicata a John Boyle O'Reilly.

© U2 Italian Fans 2008-2018
Ultimo Aggiornamento Dom 18 Nov 2018, 16:19