01 - Discothèque

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

01 - Discothèque

Messaggio Da fabio.angioletti il Mar 30 Lug 2013, 15:48

Il nono album degli U2 si intitola Pop ed esce il 3 Marzo 1997. È il primo disco dal 1984 a non avere Brian Eno come produttore. L’album  è infatti prodotto da Howie B. Il sound risulta spesso orientato al mondo dance e pop, al contrario i testi sono incredibilmente profondi ed ispirati.

Afferma Bono:

“Pop non venne mai finito: è la più costosa seduta di registrazione nella storia della musica. Però è un disco pieno di discussioni con Dio: è la sua più grande apparizione in un album degli U2 dai tempi di October. Forse il disco si sarebbe dovuto intitolare “Shouting At God” (Urlando a Dio)”.

La carriera musicale degli U2 era già lunga ed articolata. Avevano cantato Martin Luther King, Lech Walesa,
avevano messo in musica i conflitti dell’Irlanda e il sangue del Salvador. Avevano conquistato l’America, citato grandi pensatori e poeti. Avevano riflettuto e criticato l’influenza della televisione. Era giunto il tempo di rilassarsi un po’ e divertirsi. Nel 1994 Bono e Edge comprarono una villa sulla spiaggia di Èze, in Costa Azzurra, nella Francia meridionale. Per tutto l’anno Edge e Bono con le rispettive famiglie vissero in Francia senza impegni discografici. Edge introdusse Bono alla musica elettronica che in quegli anni stava sempre più prendendo piede. Gli passò dischi dei Chemical Brothers, dei Leftfield, degli Underworld.
Nel frattempo Larry e Adam si trasferirono per l’anno sabbatico a New York dove vissero separatamente incontrando musicisti e incrementando le loro capacità tecniche e dove si rilassarono dopo la lunga tournèe dello ZooTv. Ebbero però l’occasione di lavorare insieme per la colonna sonora del film Mission Impossible.

Edge indica l’intento che nacque in comune con Bono per la realizzazione di un nuovo album:

“Volevamo fare altri esperimenti con il concetto di band e cercare nuovi modi per comporre canzoni, accettando l’influenza e l’estetica della musica dance”.

Aggiunge Bono:

“Volevamo fare qualcosa che riflettesse la vita che stavamo conducendo, che avesse un po’ della gioia della famiglia e che fosse inebriante come le luci splendenti e il tirar tardi la notte. Ma l’allegria è molto difficile da evocare, la felicità non basta”.

Gli U2 si riunirono in un nuovo studio a Dublino ricavato da un vecchio magazzino sulla Hanover Quay. Mentre Bono e Edge continuavano ad avere la colonna sonora di Trainspotting, Larry e Adam impallidirono di fronte alla piega che i due volevano dare al nuovo lavoro. Temevano la reazione del pubblico e che gli U2 diventassero un nuovo gruppo completamente diverso dal loro passato. Nonostante numerosi e violenti scontri di opinioni, i quattro lavorarono su questa nuova via di sperimentazione musicale.

Il 3 febbraio 1997 arrivò nelle radio il nuovo singolo: Discothèque e per molti fan fu una sorta di shock: la chitarra di Edge era coperta da uno spesso strato di elettronica, la voce di Bono filtrata da veri effetti e a tratti irriconoscibile, la sezione ritmica nascosta dalla drum machine e in più tutti loro erano vestiti come i Village People fuori tempo massimo. Cos’era successo? Gli U2 si erano allontanati così tanto da se stessi da diventare un’altra band. O forse no.

Bono analizza – a distanza di anni – questa fase:

“Io e Edge ci riflettemmo a lungo. Pop doveva essere il suono degli U2 che cercavano di scrivere un’ode alla club culture senza usare gli strumenti della dance. Si apriva volutamente su Discothèque, un indovinello sull’amore che dava l’ambientazione. Il tema era grandi argomenti come fondamenta e suoni molto diversi. Ma non funzionò tutto alla perfezione”.

Nonostante a livello testuale questo nuovo album fosse uno del lavori più ambiziosi, il risultato d’insieme finale non soddisferà nessuno fino in fondo. Neppure Edge che fu il grande promotore di questa sperimentazione:

“Su Pop non siamo riusciti a fare la sintesi tra canzoni ed elettronica che ci eravamo prefissati, era come mescolare acqua e olio: riascoltandolo, si sente che non stavamo lavorando in armonia. Provammo a cambiare la direzione in corsa, ma non fu facile”.

Il nono album degli U2 è comunque il manifesto di un preciso momento all’interno del percorso della band. E nonostante tutto esordì al primo posto in classifica in ben trentacinque nazioni e vendette sette milioni di dischi. Non male per un album considerato fallimentare.

La prima traccia è una panoramica sul mondo delle discoteche, dei rave e dell’uso di acidi. Una considerazione, infine, sulla vacuità di tutto questo. La discoteca inoltre è in realtà una metafora della nostra vita attuale. Presi in un ritmo assordante, tutti fatichiamo a trovare un senso a ciò che facciamo e di conseguenza perdiamo il senso stesso del vivere.


“you can reach but you can't grab it
you can't hold it control it you can't bag it
you can push but you can't direct it
circulate regulate oh no you cannot connect it
you know you're chewing bubblegum
you know what that is but you still want some
you just can't get enough of that lovie dovie stuff
you get confused but you know it
yeah you hurt for it work for it LOVE
you don't always show it
LET GO LET'S GO... DISCOTHÈQUE
GO GO... LET GO... DISCOTHÈQUE
looking for the one
but you know you're somewhere else instead
you want to be the song
the song that you hear in your head
LOVE
it's not a trick... you can't learn it
it's the way you don't pay that's okay
'cause you can't earn it
you know you're chewing bubblegum
you know that is but you still want some
'cause you just can't get enough of that lovie dovie stuff
LET GO LET'S GO... DISCOTHÈQUE
GO GO... LET GO... DISCOTHÈQUE
looking for the one
but you know you're somwhere else instead
I want to be the song
be the song that you hear in your head
LOVE
but you take what you can get
'cause it's all that you can find
oh you know there's something more
but tonight, tonight, tonight
BOOM CHA
BOOM CHA
DISCOTHÈQUE”

(Puoi raggiungerla ma non puoi agguantarla
Puoi stringerla, controllarla, ma non puoi farla tua
Puoi spingere ma non la puoi dirigere
Circolare, regolare, oh no, non la puoi collegare
Sai che stai masticando bubblegum
Sai cos’è ma continui a volerne ancora
Non puoi fare a meno, di quella "colombina"
Diventi confuso, ma ne sei cosciente
Si, soffri per quello, ti dai da fare per quello, amore
Ma non sempre lo dai a vedere
Lascia andare, andiamo in … discoteca
Via, via… lascia andare in … discoteca
Stai cercando quella giusta
Ma sai di essere invece in un altro luogo
Tu vuoi essere la canzone
La canzone che senti nella tua testa
Amore
Non è un trucco… non lo puoi imparare
E’ il modo in cui non paghi che è OK
Perché non te lo puoi guadagnare
Sai stai masticando bubblegum
Sai cos’è ma continui a volerne ancora
Perché non puoi fare a meno di quella "colombina"
Lascia andare, andiamo in… discoteca
Via, via, lascia andare in… discoteca
Stai cercando quella giusta
Ma sai invece di essere in un altro luogo
Io voglio essere la canzone
Essere la canzone che senti nella tua testa
Amore
Ma prendi quello che puoi
Perché è tutto ciò che puoi trovare
Oh tu sai che c'è qualcosa di più
Oltre questa notte, stanotte, stanotte
BUM CIA’
BUM CIA’
DISCOTECA)





Ultima modifica di fabio.angioletti il Lun 05 Ago 2013, 22:11, modificato 2 volte

_________________


And love is not the easy thing
The only baggage you can bring
Is all that you can't leave behind


There is a light don't let it go out

REJOICE

VISION OVER VISIBILITY

Grace makes beauty out of ugly things
avatar
fabio.angioletti
Soul Rockin' Fan
Soul Rockin' Fan

Maschile
Numero di messaggi : 6920
Età : 30
Località : Albino (Bg)
Umore : THE GOAL IS SOUL
Data d'iscrizione : 08.07.09

http://www.amazon.it/Viaggi-di-Versi-7-ebook/dp/B00CO9R45O/ref=s

Tornare in alto Andare in basso

Re: 01 - Discothèque

Messaggio Da fabio.angioletti il Mar 30 Lug 2013, 15:51

Live in Mexico City durante il Popmart tour del 1997:

_________________


And love is not the easy thing
The only baggage you can bring
Is all that you can't leave behind


There is a light don't let it go out

REJOICE

VISION OVER VISIBILITY

Grace makes beauty out of ugly things
avatar
fabio.angioletti
Soul Rockin' Fan
Soul Rockin' Fan

Maschile
Numero di messaggi : 6920
Età : 30
Località : Albino (Bg)
Umore : THE GOAL IS SOUL
Data d'iscrizione : 08.07.09

http://www.amazon.it/Viaggi-di-Versi-7-ebook/dp/B00CO9R45O/ref=s

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum