EARLY DAYS TOUR - 1979-1980

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

EARLY DAYS TOUR - 1979-1980

Messaggio Da Staff il Lun 18 Mag 2015, 12:57

EARLY DAYS 1979-1980

1979-02-17 - Dublin, Ireland - Project Arts Centre

Set List:
1) Another Time, Another Place
2) Cartoon World
3) Shadows And Tall Trees
4) Street Mission
encore(s):
5) Glad To See You Go









Partecipanti del "Dark Space Festival": The Mekons, Terri Hooley and The Good Vibration, The Vipers, Throbbing Gristle, Public Image, Virgin Prunes, U2, D.C. Nien, The Blades, The Atrix. Gli U2 si esibiscono in un Festival lungo un weekend, con l'apparizione di numerosi gruppi irlandesi. Sono presenti parecchi esponenti della stampa musicale londinese, e i gruppi sono desiderosi di mettersi in mostra al loro meglio. Gli U2 sono insoddisfatti dato che il loro set e' danneggiato da una cattiva acustica e da esplosioni di feedback dagli amplificatori. Gli U2 non sono menzionati per niente nelle recensioni. Un paio di settimane dopo, Bono si fa prestare un po' di soldi per prendere una nave per Londra, dove visita gli uffici delle più importanti compagnie discografiche, e di riviste musicali come New Musical Express, Melody Maker, Sounds e Record Mirror. Facendo un'insistente campagna pubblicitaria agli U2, Bono lascia copie di demo e sollecita i redattori a vedere gli U2 quando suoneranno a Londra fra poco tempo.
************************************************************************************************************

1979-05-05 - Dublin, Ireland - Dandelion Car Park

Set List:
1) Out Of Control
2) In Your Hand
3) Concentration Cramp
4) Shadows And Tall Trees
5) Life On A Distant Planet
6) The Fool








Gli U2 suonano la prima di sei date di Sabato pomeriggio durante la primavera e l'estate al Dandelion, un parcheggio al chiuso in disuso. Situato accanto al mercatino delle pulci di Gaiety Green accanto a St. Stephen's Green, allo spettacolo assiste una grande folla, inclusi molti giovani sotto i 18 anni che non possono vedere gli U2 nei club a causa delle leggi sulle licenze. Entrare al Dandelion costa 50 penny o una sterlina. su un piccolo palco di legno con illuminazioni e amplificazione essenziali, gli U2 forniscono spettacoli energici che rendono noto il loro nome nella scena di Dublino. Alla fine diventeranno eventi leggendari nella saga degli U2. Mentre la folla aumenta al Dandelion con ogni spettacolo, Bono migliora la sua abilità nel controllare, stimolare e sorprendere il pubblico, e impara ad usare gli inconvenienti a suo vantaggio. Durante il primo spettacolo, un'interruzione di corrente blocca gli strumenti di Adam e The Edge. Mentre la corrente viene ripristinata, Bono invita un individuo sul palco per fargli canticchiare la linea di basso e mostra ad un altro come eseguire un'interpretazione vocale della parte di Edge. Mentre Larry continua a suonare e le voci dei suoi due allievi sostituiscono gli strumenti, Bono improvvisa testi fino a quando l'energia non è ripristinata. Le improvvisazioni di Bono focalizzano l'attenzione del pubblico sul palco, anziché lasciarli allontanare per bere fino a quando i problemi non sono risolti. Con alcune lezioni di espressività drammatica alle sue spalle, Bono utilizza le sue capacità recitative per illustrare molte canzoni. Per Boy-Girl, una canzone sulla confusione adolescenziale, chiede una sigaretta, quindi cammina nervosamente in giro per il palco come un ragazzo che fuma di nascosto per la prima volta. Alcuni degli spettacoli al Dandelion vedono le origini di alcuni rituali di scena degli U2 che ricompariranno nel corso della loro carriera. Durante un'esibizione, Paul McGuinness porge a Bono la prima di quelle che diventeranno molte centinaia di bottiglie di champagne con cui festeggiare la serata, riscaldare il pubblico e innaffiare la folla durante il bis. Questi spettacoli rinforzano la fiducia di McGuinness nel gruppo. Vedendo loro progredire e il pubblico aumentare, si rende conto dell'importanza delle performance dal vivo per gli U2, e che la chiave per il successo consiste nel costruire un seguito attraverso i loro concerti.
************************************************************************************************************

1979-05-12 - Dublin, Ireland - Trinity College

Set List:
1) Out Of Control
2) In Your Hand
3) Concentration Cramp
4) Shadows & Tall Trees
5) Judith
6) The Fool




Gli U2 si esibiscono in un concerto gratis all'ora di pranzo sulle scale del college, il quale attrae un numero sempre maggiore di studenti con ogni canzone. La maggior parte rimane ad ascoltare anche quando inizia a piovere.
************************************************************************************************************

1979-06-07/14/21/28 - Dublin, Ireland - McGonagle's

Set List (07 & 14 incomplete):
1) In Your Hand
2) The Speed Of Life
3) Concentration Cramp
4) Another Time, Another Place

Set List (21): La scaletta per questo concerto non è nota.

Set List (28):
1) Trevor
2) Cartoon World
3) Jack In The Box
4) The Speed Of Life
5) Shadows And Tall Trees
6) Stories For Boys
7) The Magic Carpet
8) Boy-Girl









Come trovata pubblicitaria, gli U2 suonano i quattro spettacoli del "Christmas In June" di Giovedì sera al McGonagle's. Preparate le "Jingle Balls", le decorazioni natalizie ornano tutto il palco, delle diapositive vengono proiettate ai lati, e delle maschere di Babbo Natale sono appese sullo sfondo, creando un'atmosfera bizzarra.


************************************************************************************************************

1979-08-00 - Dublin, Ireland - Youth Club

Set List:
1) Cartoon World
2) Life On A Distant Planet
3) The Magic Carpet
4) Stories For Boys
5) Silver Lining

L'ampia area che circonda questa periferia di Dublino e' tappezzata di poster pubblicitari. Lo spettacolo attrae circa 250 giovani. Gli U2 suonano un set potente lungo circa un'ora che include una nuova canzone chiamata Silver Lining. In seguito il gruppo esce a parlare con una parte del pubblico.
************************************************************************************************************

1979-08-11 - Dublin, Ireland - Dandelion Car Park

Set List:
1) Out Of Control
2) The Speed Of Life
3) In Your Hand
4) The Fool
5) Concentration Cramp
6) Another Time, Another Place
7) Stories For Boys
8) Shadows And Tall Trees
9) Cartoon World
10) Alone In The Light
11) Street Mission
12) Life On A Distant Planet
13) Boy-Girl
encore(s):
14) Out Of Control
15) Glad To See You Go

Nell'ultimo spettacolo al Dandelion i critici notano il sound particolare degli U2. Declan Lynch scrive in Hot Press: "Dave Edge è un chitarrista superlativo e migliorerà parecchio, essendo così giovane, così brillante, così fresco. Gli U2 hanno creato un loro suono unico ed identificabile, uno che aggiunge delle sfumature al pop e al metal senza essere esclusivamente l'uno o l'altro".
************************************************************************************************************

1979-08-21 - Dublin, Ireland - The Baggot Inn

Set List (incompleta):
1) Concentration Cramp
2) In Your Hand
3) Stories For Boys
4) Shadows And Tall Trees
5) Out Of Control

Supporto: The Blades









Assistono a questo spettacolo talent scouts di parecchie compagnie discografiche di Londra. Lo spettacolo non riesce a convincere nessuno di loro al punto di offrire un contratto agli U2, ma impressiona Dave McCullough della rivista Sound, che era arrivato a Londra per scrivere un articolo sulla scena rock irlandese, e diventa uno dei primi membri della stampa britannica ad appoggiare gli U2. Ecco la recensione "originale" di Dave McCullough sulla rivista Sound: "Later that night we arrived and I finally had the pleasure of catching the fabled U2 live. The venue was the Baggot Inn which lives up to it's sleazy name with a vengeance. "Tonight's something of a test night", Bono explained. "This is the first New Wave type gig this place has put on and if it's a success then bands might be able to use it regularly". Gigs are a scarce commodity in Dublin. In fact, there are none, save the odd fortunate one nighter at one of the many "straighter" rock venues (ancient Skid Row and Horslips guitarists rool OK, y'understand) or the odd support slot at one of the city's two or three bigger, ballroom type venues (a band called D.C. Nien tonight having the unenviable task of warming up an AC/DC audience). Bands, therefore, are hungry and they must search for gigs, as U2 have done. Their labour is not in vain, either, as the gig this night proves. The band give evidence to their burgeoning popularity in the city by cramming as many bodies into a scantily publicised Hope & Anchor type gig as is physically (as opposed to legally) possible. Their set is quite brilliant. It's an often disarming experience travelling out of London and seeing relatively unknown bands capable of taking on the prima donnas of the Hammersmith Odeon, Marquee and Nashville and wiping the proverbial floor with them (re Tours and Undertones in the past) and this was yet another such occasion. U2 are total, solid music, naturally intended for the head and for the feet, inculcating meaning innovation, expressing enough power in communication to knock the unsuspecting listener on his back. Guitarist David Edge is the most flamboyant player I've seen since Stuart Adamson of The Skids (a major influence, as they say) creating a sizeable, unique niche of sound that spreads across U2's music with scintillating effect, joining together with Larry Mullin's bass and Adam Clayton's drums to form what the band constantly seek, namely a wide sound and a big impression. Front man Bono is a new r'n'r performer. He takes the genre's tricks of the trade and tries them out on his audience, shifting their opinions and attitudes. In this sense U2 are unashamedly didactic; they attack their their audience and hope maybe to leave them at the end of the night feeling shifted or moved in their attitudes. Bono, like the rest of U2 and The Virgin Prunes, study mine in order "to use up every little ounce of space on stage". The effect is totally absorbing. You follow Bono with your eyes as he counts on his fingers or runs across stage or spontaneously mines something that is impenetrable but apposite to the moody, fat rolling sound. At the Baggot the mike broke in front of him. Instead of panicking he used the fluke, calling a kid from the audience down front, thrusting the mike into his upheld right hand and using his right arm, as it were, as a mike stand throughout the song. And the songs are splendid, inspired impressions of that big sound the band seek, from the Skidsian raunch of "Out Of Control", the analytical power of "Twilight" and "Stories For Boys" or the speedy pop of "Boy Girl", revealing an already established, remarkable songwriting force. Like The Fall or the Zoo bands or Swell Maps, U2 have thrown the New Wave over their collective shoulders and are now stepping out in the direction of more vital contemporary expression while instinctively still retaining the clipped muscularity of the '76 revolution. In this small space I can but present you with a whisper of the U2 vibe. Suffice to say that a single should be available soon in Ireland on CBS with an album to follow (tentatively titled "Boy") and all hell will break loose over the coming months about this marvellous, mystical band. It's just a thought, but somebody suggested that if the Boomtown Rats were the John the Baptists of Irish r'n'r, then U2 must be......"
************************************************************************************************************

1979-09-07/08 - Dublin, Ireland - Project Arts Centre

Set List (07 & 08 incompleta):
1) Out Of Control
2) Boy/Girl
3) Stories For Boys



Gli U2 si esibiscono in due spettacoli a sostegno di Patrick Fitzgerald. Durante la prima serata, gli U2 fronteggiano l'ostilità di un gruppo di Punk che minacciano di invadere il palco. Bono si toglie una scarpa per tenerli distanti prima che vengano allontanati.
************************************************************************************************************

1979-10-05 - Cork, Ireland - Cork Opera House

Set List:
1) Stories For Boys
2) The Speed Of Life
3) Cartoon World
4) The King's New Clothes
5) Inside Out
6) Another Time, Another Place
7) Boy-Girl
8) Out Of Control
encore(s):
9) Glad To See You Go







Questo e' il debutto televisivo degli U2, su RTE. Il presentatore televisivo annuncia il gruppo: "Stasera e' mio piacere presentarvi un nuovo, giovane gruppo di quattro elementi da Dublino, e la loro musica e' stata descritta come, e cito: "Una forma unica di rock solido, melodico, energico". Hanno appena pubblicato un nuovo singolo, e arriveranno a cose più grandi, perciò sedetevi, battete le vostre mani e date il benvenuto a: gli U2". Aprendo con Stories For Boys, l'eccitazione trattenuta del gruppo si rivela in una versione caotica con gli strumenti che inciampano l'uno sull'altro. The Speed Of Life tradisce il background di Larry nelle bande. Prima di Cartoon World, Bono racconta al pubblico che il gruppo era stato avvertito che esibirsi in televisione avrebbe potuto spaventarli. Guarda dritto nelle telecamere: "So una cosa: posso vedere delle persone a casa, attraverso quella telecamera li, e forse quella telecamera li, e forse questa qui. E guardo quel programma televisivo e posso vedere Kevin, e posso vedere Morla, e posso vedere Bobby, e lo zio Jack, e la zia Barbra, e lo zio Teddy, e Joy e Alison. E Norman, e mio padre. Ciao!". Cartoon World ritrae la totale monotonia del lavorare dalle nove alle cinque allo stesso lavoro giorno dopo giorno, con delle visite al pub nel fine settimana come unica evasione. Bono controlla la folla, incitandoli ad alzare le loro mani e ad abbassarle di nuovo, incoraggiandoli a gridare, quindi azzittendoli quando diventano troppo rumorosi. Bono annuncia che Another Time, Another Place riguarda un sogno che aveva una volta. La canzone e' suonata in un modo più crudo e rumoroso rispetto alla versione definitiva dell'album, ma è arrangiata in modo simile. Senza smettere di cantare, Bono vaga tra il pubblico e occupa un posto a sedere nelle prima fila. "Vi potreste chiedere, perché non ci limitiamo a rimanere la' sotto, nel piccolo spazio qui di fronte alla batteria", dice dopo. "Stavo solo guardando cosa si prova a guardarlo [Edge] suonare la sua chitarra da seduto qui come vuoi. E' piuttosto strano.....". Boy-Girl e' dedicato a "i ragazzi e le ragazze e ai loro innamorati". Stando in cima ad una sedia tra il pubblico, parla con l'individuo accanto a lui. "Hai un'innamorata? La ami? La ami veramente? Hai intenzione di sposarla?" il pubblico ride mentre il ragazzo diventa rosso per l'imbarazzo. Il pubblico urla per sentirli ancora perfino prima che il gruppo lasci il palco. Bono li rassicura, "Non c'è bisogno che fatichiate tanto! Guardate tutti questi ragazzi che si precipitano verso il palco. Questa e' stata scritta da uno sciocco. Non e' The Fool. E' un pezzo dei Ramones, si chiama Glad To See You Go. Voglio che tutti dal fondo vengano qua, avanti!" Con la folla che si precipita verso il palco, la potente versione degli U2 porta lo spettacolo ad un finale frenetico. A Novembre, Record Mirror, un giornale musicale inglese, dedica agli U2 la loro prima storia di copertina al di fuori dell'Irlanda. Bono racconta a Chris Westwood: "Penso che la bellezza perfetta possa essere dannosa. Hai mai notato che la ragazza veramente bella della scuola non lo era mai perché aveva i vestiti aderenti? La perfezione e' irreale, ognuno e' imperfetto.......ma ci sono tutti questi eroi in televisione - e questa e' la prima generazione televisiva, se vuoi - le persone vengono bombardate da immagini perfette. Superman, l'Uomo Bionico, la ragazza della pubblicità del profumo, e tutti che fanno finta. Tutto dovrebbe essere indirizzato verso gli individui, fare in modo che pensino da soli. Se soltanto le persone potessero strappare quel velo, quella maschera, quell'immagine da macho.....". Chris Westwood: "Ciò che rende Bono e gli U2 così credibili e' la loro consapevolezza della vulnerabilità, sia della loro sia di quella degli altri individui. Considerano l'accettazione di ciò come elemento centrale del vero concetto di armonia, unità e fiducia in se stessi". Bono: "Sono un tipo di persona estroversa, voglio prendere e rompere tutto. Voglio che le persone di Londra vedano e ascoltino il gruppo, voglio sostituire i gruppi che sono ora in classifica, perché penso che noi siamo i migliori".
************************************************************************************************************

TOUR DEI CLUB DI LONDRA 1979


Nel Dicembre del 1979, gli U2 viaggiano a Londra per le loro prime date al di fuori dell'Irlanda. Avendo vissuto rimettendoci tutti per anni, sono al verde e si fanno prestare 3.000 Sterline da amici e familiari per finanziare il tour. Il viaggio e' un tentativo del tipo o-tutto-o-niente per svegliare l'interesse della stampa e stimolare le compagnie discografiche nella speranza di un contratto.


1979-12-01 - West Hampstead, England - Moonlight Club



Come supporto per i Dolly Mixtures, il set degli U2 include Concentration Cramp, The Dream Is Over, Shadows And Tall Trees e Inside Out. Dave McCullogh scrive sulla rivista Sounds: "Il cantante degli U2, Bono, e' teso e inquieto poiché è la prima data del gruppo al di fuori della loro nativa Irlanda. Mentre viene montata l'attrezzatura sta con il resto del gruppo a lato del palco. Il chitarrista Dave Edge ha una mano bendata in seguito ad un incidente automobilistico, e non sanno come si risolverà il tutto. La tensione degli U2 deriva da un'emozione prossima ad esplodere assieme ad un urgente bisogno di far conoscere la loro musica. Gli U2 sono quattro persone. La loro musica ha una distorsione minima e riflette la forza dei quattro individui. Nella loro musica c'è una sorta di sensibilità ingenua e impetuosa........".
************************************************************************************************************

1979-12-04 - Islington, England - Hope & Anchor

La scaletta di questo concerto non è nota.





Il gruppo e' inserito nel cartellone come "The U2's". Arrivano incuriosite dozzine di persone della stampa e delle compagnie discografiche, principalmente in seguito alle sollecitazioni di Bono fatte precedentemente quell'anno, ma spinte anche dalle  buone recensioni giornalistiche. Ci sono solo 9 spettatori e a metà dello spettacolo, The Edge rompe una corda e il gruppo e' così distrutto da lasciare il palco, e non tornare.
************************************************************************************************************

1980-01-15 - Dublin - RTE Studios

Dopo la loro ultima esibizione in un club di Londra (1979/12/15 Harrow Road, Windsor Caste) gli U2 ritornano a Dublino, delusi perché sono "saltati" di fronte alle persone delle compagnie discografiche all'Hope & Anchor, e partecipano sulla rete televisiva nazionale nel "Late Late Show". Eseguono Stories For Boys dal vivo e Bono canta "There's a late late show" anziché "TV show" nella seconda strofa. Gli U2 vincono cinque categorie nelle votazioni dei lettori sulla rivista Hot Press, battendo gruppi affermati e amati come Thin Lizzy e i Boomtown Rats, una prova dell'impatto che stanno avendo sulla scena musicale irlandese. Incoraggiati da tutto ciò, gli U2 fanno un tour dell'Irlanda per tutto Gennaio e Febbraio, suonando in piccoli locali e in ogni angolo e fessura del paese per rafforzare il loro status di band live in ascesa. Cosa che coincide con la pubblicazione del loro secondo singolo Another Day.


************************************************************************************************************

1980-02-02 - Tullamore, Ireland - Garden Of Eden Club

Spettatori: 650

Set List:
1) Silver Lining
2) The Speed Of Life
3) Life On A Distant Planet
4) Stories For Boys
5) Trevor
6) Another Time, Another Place
7) Another Day
8) The Dream Is Over
9) Pete The Chop
10) Cartoon World
11) Jack In A Box
12) Shadows And Tall Trees
13) A Day Without Me
14) Twilight
15) Boy-Girl
16) Out Of Control

Il set è rappresentativo della maggior parte degli spettacoli del tour irlandese. The Magic Carpet  e' preceduta da Bono che urla "Judith, can you hear me, can you see me?" seguito dal verso d'apertura, "Life on a distant planet", una cosa che spesso porta i recensori a fare riferimento a questa canzone come Judith o come Life On A Distant Planet. La canzone Trevor parla di un ragazzo che ride sempre, perché vuole vivere in eterno. Pete The Chop e' un pezzo travolgente che in seguito gli U2 re-incideranno alla fine del 1982, durante le prove per "War". Rinominato Treasure (Whatever Happened To Pete The Chop), sarà pubblicato come B-side del singolo del 1983 New Year's Day. La struttura rimane la stessa, sebbene il testo di Treasure sia completamente differente dalla versione originale.
************************************************************************************************************

1980-02-04 - Cork, Ireland - Country Club

Il set include:
1) Cartoon World
2) Boy-Girl
3) Out Of Control
4) Trevor
5) Twilight
6) Another Day
7) The Dream Is Over
8) Shadows And Tall Trees











Paul Morley recensisce lo spettacolo per il New Musical Express: Bono e' adorato. Percorre pericolosamente la sottile linea tra l'essere un'adulata rockstar e il parodiare quel ruolo. Controlla gli scontri e calma un'invasione del palco. Non è mai sicuro se tratta con condiscendenza il pubblico per la sua stupidità, lo comprende e lo incita, lo calma o si unisce a lui. Alla fine fa tutto e altro ancora. Recita, si fa male, lotta. La sua esibizione e indisciplinata, ma affascinante. "Non controllo ancora del tutto la mia esibizione", mi dirà. "Non sono sicuro di come andrà quando salgo su quel palco. Potrebbe andare in qualsiasi modo. Ci sono state delle volte in cui ero veramente spaventato e potevo cantare a malapena. Alzavo appena lo sguardo. Come quando non riesco a tirare niente fuori dalla sala, dal pubblico, mi concentro su me stesso, chiudo gli occhi e cerco di trovare qualcosa li dentro. Sono spaventato dalla responsabilità di stare in quello spazio. A volte non vorrei essere su quel palco. A volte posso essere molto contento. Altre volte sono cattivo e antipatico, e ci sono volte in cui non ho il controllo completo su me stesso, ma voglio una qualche forma di disciplina. Ancora non ce l'ho. Mi piacerebbe prendere ogni situazione e tirarne fuori qualcosa. Non puoi farlo ogni volta, ma devi provare".
************************************************************************************************************

1980-02-05 - Tullermeny - Garden Of Eden Club

Il giorno dopo lo spettacolo a Cork gli U2 suonano come supporto della Tony Steven's Showband a Tullermeny, un piccolo villaggio a 70 miglia da Dublino. Paul Morley fa ancora la cronaca per NME: "L'esplosione d'apertura degli U2 e' esilarante. C'e' una risposta minima da parte del pubblico. Poche anime perdute vagano smarrite verso il palco e alzano lo sguardo verso la vivacità frenetica e maniacale di Bono, brevemente confusi. Alcuni ondeggiano gentilmente. Sedute lungo il fronte del palco delle ragazze dall'aspetto annoiato non si preoccupano minimamente di girarsi per vedere cos'è tutto quel trambusto. Il pubblico fissa gli U2 come se stessero guardando degli animali in uno zoo. Non sono abituati a questa energia intimorente, al volume, al trasporto mobile di Bono. Incuriositi per un momento, alcuni si allontanano. Quelli che ballano potrebbero ballare qualunque cosa. "L'esibizione raggiunge a fatica l'intensità degli U2, il massiccio potenziale con un assalto sottile. Bono non ha niente da tirare fuori, solo qualche gentilezza; e' frustato, rallenta, sbaglia le entrate, infastidisce il gruppo. Larry lo sgrida per la sua remissività, e Bono ammette che gli è mancata l'abilità di mettersi in mostra, la capacità di attaccare positivamente il disinteresse". Bono risponde dopo lo spettacolo: "Mi vergognavo perché non funzionavamo. Stasera avremmo potuto mostrare che cosa può essere il rock'n'roll, ma non ci siamo riusciti".
************************************************************************************************************

1980-02-26 - Dublin, Ireland - National Stadium

Spettatori: 2.400; tutto esaurito.

Set List:
1) Silver Lining
2) The Speed Of Life
3) Life On A Distant Planet
4) Stories For Boys
5) Trevor
6) Another Time, Another Place
7) Another Day
8) Pete The Chop
9) The Dream Is Over
10) Cartoon World
11) Jack In A Box
12) Shadows And Tall Trees
13) A Day Without Me
14) Twilight
15) Boy-Girl
16) Out Of Control
encore(s):
17) The Electric Co.





Il tour irlandese raggiunge il suo apice con un grande spettacolo in uno dei luoghi più grandi di Dublino. Sebbene all'inizio Paul McGuinness fosse esitante, non sicuro del fatto che gli U2 fossero pronti a suonare nel National Stadium, fu incoraggiato dal loro agente irlandese Dave Cavanagh e dai convincenti risultati delle votazioni su Hot Press. Lo spettacolo segna la prima volta che un gruppo irlandese fa il tutto esaurito al National Stadium. Viene registrato da RTE radio per essere trasmesso alla fine dell'anno. Gli U2 suonano con sicurezza , sapendo che una rappresentanza della Island Records e' presente per offrir loro un contratto. Durante lo spettacolo, Bono fa dei cenni all'imminente debutto. Annunciando Another Day, dice: "Penso che abbiamo mostrato ad un mucchio di persone quello che possiamo fare. Questo e' il nostro nuovo singolo, e' uscito per la CBS, non sarà in giro per la CBS ancora per molto tempo, ve lo posso dire. In questa città le cose non saranno più le stesse per noi....". Dopo lo spettacolo, nel loro camerino, agli U2 viene offerto un contratto da Bill Steward, talent scout per la Island Records, che aveva visto suonare il gruppo a Londra a Dicembre. Lui e l'addetto alla stampa Roberta Partridge sono molto impressionati, e la vittoria degli U2 alle votazioni di Hot Press incrementa ulteriormente la loro fiducia nel gruppo. Anche il presidente della Island Records, Chris Blackwell, e' contento di ingaggiare gli U2. Sebbene i dettagli del contratto siano ancora da definire, in seguito all'insistenza del gruppo la Island concederà loro il totale controllo artistico: gli U2 consegneranno i loro dischi completi di copertina e la Island li pubblicherà senza interferire in alcun modo con il loro prodotto finito. Dopo le negoziazioni, la Island offre agli U2 un contratto mondiale per quattro album nei quattro anni successivi, dopo di che la casa discografica avrà il diritto d'opzione. Durante i primi dodici mesi, la Island pubblicherà tre singoli degli U2 e il loro album di debutto.
************************************************************************************************************

1980-03-19 - London, England - Acklam Hall



"Sense Of Ireland Festival", terza serata, scaletta: U2, Berlin, Virgin Prunes. Gli U2 si esibiscono durante la terza serata,  organizzata per mettere in mostra i talenti irlandesi. Numerosi dirigenti della Island Records arrivano per osservare gli U2 prima che i contratti vengano firmati. Questa volta, il gruppo non fa fiasco nell'impressionare: quattro giorni dopo i contratti sono firmati.
************************************************************************************************************

_________________
www.U2Italianfans.net - Il Portale Italiano sugli U2
avatar
Staff
Amministratori
Amministratori

Numero di messaggi : 123
Data d'iscrizione : 11.02.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum